Come Praticare Wing Chun

Il wing chun è un’arte marziale cinese di origini antichissime, dove si usa l’energia dell’avversario per contrastarlo. In questa guida voglio spiegarti come seguire il primo degli otto set della prima forma del Wing Chun, che sono cinque in totale.

Il primo set della prima forma del wing chun, chiamata Siu nin Tao o Siu nun Tao, che significa piccola idea, comprende pochi movimenti, il primo dei quali è la posizione “Iras”, ovvero una posizione a “clessidra”, dove le gambe devono stare larghe, il bacino interno, le ginocchia piegate verso l’interno.

Dopo posiziona i pugni chiusi sulla gabbia toracica, con i gomiti che sporgono. Apri le mani e porta le braccia in avanti, incrociando i polsi con i palmi delle mani aperti verso l’altro. La posizione ottenuta è il Tan Sao, o Tan Sau, definita anche come la posizione che copre la linea centrale.

Da questa posizione, bisogna ruotare le mani verso l’interno, mantenendo i palmi aperti e i polsi attaccati. Arriverai a trovare con il dorso delle mani verso l’altro o verso davanti. Da qui concludi il primo set della forma ruotando nuovamente le braccia verso l’interno e ritornando in posizione di Tan Sao.

Come Giocare a Drin con le Carte

Questo gioco molto bello e particolare trova le sue origini in America. Questo gioco, tra le tante qualità ne possiede anche una molto importante, ovvero la semplicità, ma allo stesso tempo è davvero divertente. Impara a giocarci leggendo i passi di questa guida.

Per prima cosa, sappi che possono prendere parte al gioco dai due ai sette giocatori. Ora, per prima cosa, elimina i quattro jolly dai due mazzi di carte, quindi, tu che farai il mazziere, dovrai distribuire da due a sette carte, ciò dipende dal numero di giocatori, in senso orario e una per volta.Quindi devi scoprire la prima carta del tabellone sul tavolo e affiancare il tabellone a quest’ultima. Lo scopo del gioco è quello di sbarazzarsi per primi delle carte che si posseggono.

Detto questo, il primo che gioca è il giocatore alla tua sinistra se sei il mazziere, quindi a turno, i giocatori devono rispondere con una carta seguendo tre regole, ovvero la carta deve avere valore uguale a quella della carta in tavola, la carta deve essere dello stesso seme della carta in tavola e la carta deve essere un asso, un sette o un otto di un seme a scelta.

Se invece, il giocatore non ha nessuna carta giocabile o non vuole giocarla, puoi fargli pescare una carta dal tabellone. Se questa è giocabile, la può collocare sul mazzetto che si andrà formando. Gli altri giocatori, a turno, devono seguire lo stesso procedimento. Ora quando un giocatore scende un asso qualsiasi, chi lo segue deve pescare dal tabellone due carte e salta quel turno.

Solo nel caso in cui ti impegni con un asso, anche se non è un obbligo, ti puoi sottrarre dall’obbligo di pescare due carte, ma non a quello di saltare il turno di gioco. Adesso, quando viene giocato un asso, il giocatore che segue quello che ha saltato il turno deve rifarsi, per seme e valore, alla carta sottoposta all’asso. Quando sul mazzetto si mette un sette, dovrai invertire l’ordine di giocata, quindi gioca il giocatore che aveva giocato prima di chi ha messo il sette, gioca un’altra volta e si rifà al sette.

A questo punto, quando sul mazzetto si mette un otto, dovrai determinare, insieme agli altri giocatori, quale seme dovrà essere la carta che segue, quindi, per esempio, se un giocatore dirà danari, il giocatore che segue sarà costretto a giocare questo seme. Quando un giocatore rimane con una sola carta in mano, deve dire drin e deve farlo ogni volta rimanga in queste condizioni. Se si dimentica e quando tocca a lui chiude, non gli vengono non gli vengono assegnati dieci punti negativi.

Infine chiude chiude, cioè vince il giocatore che rimane senza carte in mano. Ora dovrai sommare il punteggio. Per farlo dovrai sommare smazzata dopo smazzata tenendo conto che un otto vale trenta punti, l’asso quindici le figure dieci e le altre carte il loro valore facciale. Chi vince segna per se dieci punti negativi.Chi chiude con un otto raddoppia il punteggio degli avversari, se chiudi con un asso, farai pescare al giocatore che segue due carte che deve inserire nei punti da pagare. Chi arriva a centocinquanta punti sballa, ovvero esce dal gioco e paga a ogni giocatore un numero di punti pari alla differenza fra il suo punteggio e quello di ognuno.

Come Giocare a Double Cameroon

Forse avrai sentito nominare questo gioco o magari ti avranno invitato a parteciparvi ma, non conoscendolo, hai evitati di giocarci. In questa guida ti indico in cosa consiste e le regole per poterci giocare in modo che anche tu potrai farlo senza tirarti più indietro.

Al gioco possono partecipare un numero qualsiasi di persone, basta un tavolo e dieci dadi. Il gioco consiste nel fare delle combinazioni con i dati ed a secondo di quali combinazioni un giocatore realizza gli vengono assegnati dei punti. I giocatori si mettono attorno al tavolo e si decide chi gioca per primo.

Ogni giocatore può effettuare un massimo di 5 tiri per volta a sua scelta che dipende se il punteggio fatto lo ritiene buono o no. Dopo aver tirato i 10 dadi può decidere se fare un tiro con tutti i dadi o con meno. Si devono fare tutte le combinazioni possibili, quelle già fatte non vengono più contate. Vince chi fa più punti dopo che sono state fatte tutte le combinazioni.

Le combinazioni da realizzare sono le seguenti: Viene dato 1 punto per ogni asso che esce 2 punti per ogni 2; 3 punti per ogni 3; 4 punti per ogni 4; 5 punti per ogni 5; 6 punti per ogni 6; Full House valgono tanti punti quanto fa la somma dei punti usciti. Little Cameroon (piccola scala) Da 1 a 5 vale 21 punti. Large Cameroon (scala alta) Da 2 a 6 vale 30 punti. Five of a Kind (tutti i dadi uguali) vale 50 punti.

Come si Gioca a Donna di Picche

Di seguito è riportata una guida con le istruzioni per giocare con le carte a Donna di Picche. Un gioco davvero semplice da spiegare agli amici e molto divertente, volto ad animare una serata in compagnia di persone allegre e con tanta voglia di divertirsi.

I partecipanti a questo gioco dovranno essere da un numero minimo di sei a quanti ne volete. Da un mazzo da 52 carte, togliete tre donne, lasciando solo quella di picche. Poi il mazziere darà le carte in senso orario. A questo punto i giocatori, guardando le carte, scarteranno le coppie, cioè le carte che hanno uguale valore, indipendentemente dal seme.

A questo punto, il giocatore alla sinistra del mazziere porge le sue carte, coperte e aperte a ventaglio, al giocatore seduto alla sua sinistra. Questi ne dovrà pescare una. Se la carta pescata gli permette di formare una coppia con le carte che ha in mano, le scarta, altrimenti terrà la carta pescata insieme alle altre. Poi offrirà le sue carte alla stessa maniera al suo vicino e così via.

La donna di picche, sarà l’unica carta che non potrà essere accoppiata, e chi la possiede deve fare in modo di non far capire nulla agli altri giocatori, in modo da potersene liberare. Chi, accoppiando le carte resta senza, esce vincente dal gioco. Perderà chi rimarrà con la donna di picche in mano.

Come Giocare a Dominio con le Carte

Il gioco delle carte è uno dei giochi più utilizzati, soprattutto durante le serate natalizie tra gli amici e parenti che si ritrovano in compagnia. Rallegrano le serate e risultano essere tra gli intrattenimenti più graditi. Ecco di seguito le regole per giocare al domino con le carte.

Si toglieranno dal mazzo gli otto, i nove e i dieci. Poi il mazziere distribuirà tutte le carte. Inizia a giocare il giocatore alla sinistra del mazziere che però deve aprire il gioco con un sette. Se non ha un sette dirà “passo” e inizierà il giocatore seguente, o comunque chi avrà il sette. Scopo del gioco è quello di formare delle scale sul tavolo, attaccando le carte a una a una.

Quando il primo sette è sul tavolo, il giocatore che segue può attaccare un otto o un sei dello stesso seme, oppure giocare un altro sette. Se non ha nessuna di queste carte dice “passo”. Tocca allora al vicino attaccare una carta. Vince chi per primo esaurisce le sue carte. Naturalmente un buon giocatore cercherà di passare il meno possibile, attaccando per prime le carte che potranno essergli utili più avanti.

Chi ha, per esempio, un asso di cuori, attaccherà al più presto il sei di cuori, in modo da aprire la strada all’asso. Se invece ha delle carte centrali aspetterà ad attaccarle in modo di far passare gli altri giocatori. Tenere in mano un sette, se non si hanno carte dello stesso seme come assi, due, donne e re, è l’ideale per mettere in difficoltà gli altri “bloccando” il loro gioco. E’ però proibito passare quando si ha la possibilità di attaccare una carta o si ha in mano un sette.

Copyright Giovani e Web 2020
Shale theme by Siteturner